Serata tributo a Roberto Cavalli allo Zelos’ di Monaco

Celebrities / slide home / Trends / maggio 31, 2016
Roberto Cavalli con Ezio Greggio

Roberto Cavalli con Ezio Greggio

C’erano anche Ezio Greggio e il fuoriclasse Guarin dell’Inter, a festeggiare Roberto Cavalli, nella sua serata tributo che ha avuto luogo allo Zelos’ di Monaco. Presente, tra gli altri, anche la nota giornalista Grazia Pitorri. Un gala da mille e una notte, organizzato in occasione della fine del Gran Premio di Formula 1, nello splendore di un locale fra i più eleganti e frequentati dal jet set del Principato. A fare da sfondo, un vero sciame di barche di lusso, provenienti da tutto il mondo, approdate nel piccolo regno per assistere alla gara automobilistica. E feste, e ancora feste ovunque. Montecarlo ha vissuto la sua nottata più magica dell’anno, e quale situazione migliore per omaggiare uno degli stilisti italiani più apprezzati, che proprio di recente ha venduto la sua azienda alla multimilionaria società Clessidra, per ritirarsi a vita privata? I suoi abiti hanno creato uno stile, sono stati un marchio di successo garantito. In molti, all’inizio, lo avevano paragonato al grande Gianni Versace, vedendo in lui, in Roberto Cavalli, il suo erede. Non sappiamo se questa eredità l’abbia raccolta, quello che invece possiamo affermare è che il mood del couturier toscano ha affascinato milioni di persone. Da semplici appassionati, fino ad artisti di fama internazionale che lo hanno saputo vestire. Fra di loro: Rita Ora, Jessica Stam, Eva Riccobono, Laetitia Casta, Natasha Poly, Mariacarla Boscono, Karen Elson, Karolina Kurkova. Per concludere l’evento, uno spettacolo pirotecnico ha illuminato a giorno Montecarlo, e fiumi di vodka sono stati serviti ai tavoli degli oltre 200 ospiti dello Zelo’s. Vodka ovviamente firmata Roberto Cavalli.”Sono felice per questo attestato di stima- ha affermato lo stilista Cavalli scortato dalla giovane fidanzata svedese che non lo perde di vista un attimo – alla mia età , non sono più giovanissimo, fa sempre piacere essere ricordati per quello che uno ha creato!”.

 Francesca Molari 

 Photo Credits Piero Daffonchio