Claudia Conte protagonista del film Resilienza

articoli home / Celebrities / Fashion Radar - News Personaggi e.. / slide home / 14 Aprile, 2021

Oggi siamo in compagnia di Claudia Conte, attrice italiana con origini argentine. Vanta partecipazioni in film e fiction. È autrice di romanzi di successo e ideatrice di Women in cinema award, premio dedicato alle donne del cinema all’interno della Mostra del Cinema di Venezia e alla Festa del cinema di Roma.

Ciao Claudia. Sei tra i protagonisti di Resilienza, film per la regia di Antonio Centomani che affronta il tema del femminicidio. Possiamo attualmente vederlo sulla piattaforma Chili. Hai ricevuto insieme a Maurizio Mattioli il Premio del pubblico migliore attrice al Film Festival dei Castelli Romani.

Ci parli del film e della tua interpretazione?

“Resilienza”, tratto da una storia vera, racconta un amore guastato dal virus della violenza, con l’obiettivo di essere una testimonianza tragica nella sua costruzione sintattica, ma allo stesso tempo uno stimolo a non lasciare sotto al tappeto della cronaca l’odiosa polvere della violenza uomo/donna.
Interpreto il ruolo di Tania, una ragazza simpatica, un po’ buffa, ritardataria, sempre allegra e con la battuta pronta. Il personaggio, un po’ sopra le righe, sicuramente colora un po’ i toni dark del film… mi sono divertita molto e credo che questo sia arrivato al pubblico!

Sei un’attivista, molto vicina ai temi sociali in particolare alle donne…

C’è tanto ancora da fare per l’emancipazione della donna, per le pari opportunità. C’è bisogno di un cambiamento culturale e sociale, che parta dalla famiglia e dalla scuola. Credo sia importante che le donne occupino ruoli più importanti in politica, istituzioni, cultura.
Proprio con questo spirito nasce il premio che ho ideato e condotto al Festival del Cinema di Venezia e alla Festa del Cinema di Roma, Women in Cinema Award (WiCA), un riconoscimento che viene assegnato alle donne impegnate nel cinema. Abbiamo premiato Paola Cortellesi, Francesca Comencini, Liliana Cavani, Pezold Orso d’Oro a Berlino, la Presidente dei David di Donatello Piera De Tassis.

L’Academy è tutta al femminile e vanta la presenza di eccellenze del mondo del giornalismo.

E’ un segnale importante,sottolineare che le donne con la loro bravura, il loro talento, la loro tenacia possono raggiungere gli obiettivi che vogliono in un mondo che sta cambiando. Anche il cinema che è un mondo un po’ maschilista sta cambiando. Speriamo che possiamo vedere sempre più registe e produttrici. Nei ruoli di potere, ci sono ancora troppo spesso solo gli uomini.

In occasione della giornata mondiale contro il bullismo e il Safer Internet Day, sei stata nell’Istituto Internazionale Marymount per parlare ai ragazzi di medie e liceo del valore sociale dell’arte, in cui tu credi fortemente…


È importante parlare ai giovani, trasmettere valori ed esperienze che possano far riflettere. Ho incontrato 800 studenti insieme al Professore del Marymount Arturo Melillo e abbiamo affrontato i temi del bullismo e della dipendenza dagli smartphone. Infatti dopo il lockdown ho girato con il regista internazionale Stephan H Ahidjo degli short movies (S.O.S. e Social Life) che affrontano proprio queste tematiche. ei molto seguita sui social.

A questo proposito il tuo profilo Instagram claudiaconte.it ha raggiunto 165K followers. Quanto è importante interagire con il proprio pubblico tramite i social?

In questo momento difficile in cui teatri e cinema sono chiusi e gli eventi sospesi, l’unico modo per mantenere i rapporti con il pubblico è interagire con i seguaci attraverso i social network. Sto lavorando come testimonial e brand ambassador per diverse aziende. inoltre spesso faccio dirette in cui parlo con gli amici del web.

Progetti futuri?
Appena sarà possibile andrò in Argentina Per portare in scena uno spettacolo scritto da me “La nave sbagliata” che parla della storia di una famiglia, e di tante famiglie…







Previous Post

Eva Bolognesi una manager con l'anima dell'influencer




More Story

Eva Bolognesi una manager con l'anima dell'influencer

Una donna in carriera può avere due personalità professionali. Ma sotto sotto restare sempre se stessa. E’ quello che capita...

November 24, 2020